Infotel
E-Learning, LMS, Learning Management System, Scorm

Quasi Incidenti
Un SGSL Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSL) ha come obiettivo principale quello di eliminare/minimizzare i rischi per la Salute e Sicurezza negli ambienti di lavoro, in modo da ottenere benefici tangibili e precisi quali:
- Riduzione degli incidenti ed infortuni sul lavoro;
- Condizioni di salute e sicurezza sul lavoro più adeguate ed incremento gli standard lavorativi;
- Aumento dell’efficienza e delle prestazioni dell’azienda/impresa;
- Migliore immagine aziendale ed affidabilità verso clienti/fornitori/enti;
- Riduzione dei costi indiretti derivanti da incidenti, infortuni e malattie correlate al lavoro e diretti premi assicurativi/tariffe INAIL;
- Facilita l’adempimento delle disposizioni di legge cogenti.
NORMA OHSAS 18001 PUNTO 4.5 CONTROLLI E AZIONI CORRETTIVE

4.5.3.1 Investigazione degli incidenti
Lo scopo finale del Sistema di Gestione della Sicurezza è quello di tendere al miglioramento continuo delle attività in materia di sicurezza e ridurre se possibile fino alla loro eliminazione i rischi residui.
La segnalazione, rilevazione e gestione dei quasi-incidenti, degli incidenti, dei quasi - infortuni e degli infortuni e in generale di tutte le anomalie che si verificano durante lo svolgimento delle attività lavorative, è un fattore necessario per innalzare continuamente il livello di sicurezza del sistema.
L’organizzazione ha stabilito le modalità di registrazione, investigazione ed analisi tempestiva degli incidenti allo scopo di :
a) definire gli aspetti di carenza del SGSS o di quei fattori che possono aver causato o contribuito alla causa dell’incidente;
b) identificare la necessità di azioni correttive;
c) identificare l’opportunità per implementare azioni preventive;
d) identificare opportunità per il miglioramento continuo;
e) comunicare il risultato di tali investigazioni alle responsabilità coinvolte.
I risultati delle investigazioni sugli incidenti sono documentati ed adeguatamente archiviati.
NORMA OHSAS 18001 PUNTO 4.5 CONTROLLI E AZIONI CORRETTIVE

4.5.3.2 Non conformità ed azioni correttive e preventive
La gestione delle Non Conformità e degli incidenti si prefigge di:
- definire, analizzare e gestire qualsiasi condizione pregiudizievole, effettiva o potenziale per il Sistema di Gestione della Sicurezza (siano esse di sistema o di processo) al fine di ridurne le conseguenze sul SGSS;
- promuovere in modo tempestivo l’azione investigativa sugli incidenti volta alla adozione di azioni che mirano ad evitare che la situazione di non conformità si ripeta;
- individuare azioni che prevengano le non conformità.
Le Non Conformità vengono rilevate durante lo svolgimento di tutte le attività aziendali e vengono gestite secondo procedure scritte, con apposita documentazione ed intraprendendo azioni mirate, volte ad intervenire sull’effetto e, nel caso, ricercare le cause ed individuare il trattamento più efficace per eliminarle e risolverle.
La norma BS OHSAS 18001 definisce gli “accidents” (infortuni) e gli “incidents” (incidenti) come non conformità da gestire, controllare, risolvere e documentare.
Con il termine infortuni si indicano sia gli infortuni veri e propri, sia le malattie professionali.
Per incidenti si intendono invece gli eventi che possono determinare un infortunio, che non necessariamente si è verificato. Pertanto la voce incidenti comprende anche i cosiddetti “mancati infortuni” o “near miss”.
Per cui con il termine INCIDENTE si intende un evento correlato al lavoro durante il quale si è verificato, o avrebbe potuto verificarsi, una malattia, una lesione o un incidente mortale.
Un infortunio è un incidente che è sfociato in una lesione, in una malattia o in un incidente mortale.
Un incidente senza lesioni, malattie o incidenti mortali può anche essere definito “quasi-infortunio”, “quasi-accadimento”, “situazione pericolosa”.
È possibile avere un infortunio e/o un quasi incidente anche se l’organizzazione ha completamente assolto ai requisiti del proprio SGSSL.
Allo stesso tempo si potrebbe riscontrare una NON Conformità che potrebbe non essere considerata un incidente.
Gli infortuni possono essere facilmente rilevati in quanto danno luogo ad una serie di obblighi normativi a carico dell’azienda (ad esempio, nel caso di infortunio: denuncia dell’infortunio, tenuta del registro infortuni, ecc.) o assicurativi (nel caso di un incendio: la richiesta di indennizzo all’assicurazione), il rilevamento degli incidenti è alquanto difficile e complicato poiché dipende dal livello di sensibilità del personale.
Spesso non si vuole segnalare gli incidenti per non essere colpevolizzati o per semplice disinteresse; un’adeguata formazione del personale ed un clima aziendale aperto o “positivo” potrà accrescere la disponibilità del personale a segnalare tali situazioni.
Gli incidenti rappresentano una serie di informazioni che possono essere utilizzate per la prevenzione degli infortuni.
Recenti ricerche hanno evidenziato che ad ogni infortunio grave corrispondono circa 30 infortuni lievi e 300 incidenti.
Limitando o eliminando gli incidenti si potranno evitare infortuni ben più gravi.
Sin dal 1931, è nota la proporzione del cosiddetto “Triangolo di Heinrich”, secondo la quale per ogni infortunio grave vi sono 29 infortuni minori e 300 incidenti senza infortunio.
Solo una piccola frazione degli eventi negativi che si verificano sui luoghi di lavoro si trasformano in danni fisici alle persone.
In tutti gli altri casi ci sono moltissimi eventi che, pur se non causano danni ai lavoratori, causano comunque danni materiali, fermi e ritardi nella produzione e ulteriori perdite economiche.
I comportamenti pericolosi ed i mancati incidenti non necessariamente determinano danni a cose o persone, ma sono indice della possibilità che essi potrebbero prodursi.
Il ripetersi di comportamenti a rischio ne aumenta la probabilità di accadimento, per cui “trascurare” eventi di bassa gravità o non far emergere comportamenti imprudenti porta con il tempo alla maggiore possibilità di accadimento di eventi di gravità elevata.
Per tale motivo nasce l’esigenza di rilevare incidenti, quasi incidenti e comportamenti a rischio, è necessario catalogarli, analizzarli e applicare opportune azioni correttive per  individuarne e rimuoverne le cause riducendo in questo modo la probabilità di accadimento di infortuni di elevata gravità.
Tutto ciò porterà nel tempo all’aumento dell’efficienza  dei cicli produttivi, riducendo malfunzionamenti e rotture con la conseguente perdita di produttività e redditività dei processi aziendali.

0 commenti