Infotel
E-Learning, LMS, Learning Management System, Scorm

Rischi di Cantiere, movimentazione manuale dei carichi, MICROCLIMA, RISCHIO BIOLOGICO NEI CANTIERI, agenti chimici,
In un cantiere, per sua natura, si possono configurare numerose situazioni di rischio o interferenza lavorativa che possono essere causate da diversi fattori specifici.
Lo spirito fondante del sistema normativo prevenzionistico vigente pone tra gli obiettivi primari l'eliminazione alla fonte dei rischi lavorativi, per salvaguardare la salute e la sicurezza dei lavoratori.

Pertanto è necessaria una attenta analisi dei pericoli e la conseguente individuazione di misure preventive e protettive e specifiche procedure organizzative ed operative atte al controllo, riduzione o eliminazione dei potenziali rischi e quindi alla limitazione o azzeramento della possibilità residua del verificarsi di eventi gravosi.
Da qui nasce il processo di valutazione dei rischi che trova fondamento su tre concetti cardine:
- pericolo;
- rischio;
- prevenzione.
Pericolo: proprietà o qualità intrinseca di un determinato fattore avente il potenziale di causare danni.
Rischio: probabilità di raggiungimento del livello potenziale di danno nelle condizioni di impiego o di esposizione ad un determinato fattore o agente oppure alla loro combinazione.
Prevenzione: il complesso delle disposizioni o misure necessarie per evitare o diminuire i rischi professionali nel rispetto della salute della popolazione e dell'integrità dell'ambiente esterno.
La valutazione dei rischi deve avere come fine ultimo la prevenzione dei rischi
per individuare e attuare misure e provvedimenti di prevenzione e protezione.
La valutazione dei rischi dovrà analizzare tutte le fasi lavorative svolte in cantiere e individuare i fattori di rischio legati agli ambienti di lavoro, alle strutture ed impianti utilizzati, ai materiali e prodotti coinvolti nei processi.
PRINCIPALI RISCHI DI CANTIERE
DI TIPO INFORTUNISTICO
Caduta dall’alto, caduta di materiali dall’alto, rischio elettrico, seppellimento,ecc.
DI TIPO FISICO
Rumore, Vibrazioni meccaniche, microclima, ecc.
DI TIPO CHIMICO
Polveri, fumi, prodotti chimici utilizzati, ecc.
DI TIPO BIOLOGICO
Batteri e Virus, Insetti.
LEGATI ALL’ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO
Movimentazione manuale dei carichi, Posture incongrue, Ritmi, Stress da lavoro correlato.
LEGATI ALL’UTILIZZO DI MACCHINE
Cesoiamento, impigliamento, elettrocuzione, ecc.
Tali fattori di rischio derivano anche da carenza di formazione/informazione/addestramento degli operatori, carenza di organizzazione del lavoro,assuefazione al rischio, condivisione dei posti di lavoro, diffusione lavoro nero, ecc.
ELENCO DEI LAVORI COMPORTANTI RISCHI PARTICOLARI PER LA SICUREZZA E LA  SALUTE DEI LAVORATORI 
1. Lavori che espongono i lavoratori a rischi di seppellimento o di sprofondamento a profondità superiore a m 1,5 o di caduta dall'alto da altezza superiore a m 2, se particolarmente aggravati dalla natura dell'attività o dei procedimenti attuati oppure dalle condizioni ambientali del posto di lavoro o dell'opera.
2. Lavori che espongono i lavoratori a sostanze chimiche o biologiche che presentano rischi particolari per la sicurezza e la salute dei lavoratori oppure presentano rischi particolari per la sicurezza e la salute dei lavoratori oppure comportano un'esigenza legale di sorveglianza sanitaria.
3. Lavori con radiazioni ionizzanti che esigono la designazione di zone controllate o sorvegliate, quali definite dalla vigente normativa in materia di protezione dei lavoratori dalle radiazioni ionizzanti.
ELENCO DEI LAVORI COMPORTANTI RISCHI PARTICOLARI PER LA SICUREZZA E LA  SALUTE DEI LAVORATORI 
Inoltre occorre menzionare:
- Lavori in prossimità di linee elettriche aree a conduttori nudi in tensione.
- Lavori che espongono ad un rischio di annegamento.
- Lavori in pozzi, sterri sotterranei e gallerie.
- Lavori subacquei con respiratori.
- Lavori in cassoni ad aria compressa.
- Lavori comportanti l'impiego di esplosivi.
- Lavori di montaggio o smontaggio di elementi prefabbricati pesanti.
CADUTA DALL’ALTO
La causa principale dei decessi sui cantieri avviene per cadute dall’alto. Tale fattore di rischio si verifica principalmente per la mancanza, l’errato montaggio o lo smontaggio di alcune parti dei dispositivi di protezione collettivi o per il mancato utilizzo dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) cinture o imbracature di sicurezza.
RISCHIO SEPPELLIMENTO
Nel settore edile, dopo la caduta dall'alto e il rischio elettrico, la causa più frequente di infortuni è data dagli scavi, per caduta negli stessi o per crollo del terreno.
RISCHIO ELETTRICO
Gli incidenti causati dall’elettricità rappresentano una quota rilevante degli infortuni sul lavoro dovuti solitamente al contatto accidentale con linee elettriche ad alta tensione o con cavi scoperti.
Infortuni che quasi sempre portano alla morte della persona coinvolta, per elettrocuzione.
AGENTI FISICI: RUMORE
Si intendono i rischi per la salute e la sicurezza derivanti dall'esposizione al rumore durante il lavoro, in particolare per l'udito.
Nella valutazione dei rischi, il datore di lavoro deve verificare che  gli operatori esposti a determinate fonti di rumore non superino i livelli massimi definiti dalla normativa vigente.
AGENTI FISICI: VIBRAZIONI MECCANICHE
Si intendono i rischi per la salute e la sicurezza derivanti dall’utilizzo di attrezzature che sottopongono il lavoratore a vibrazioni del corpo o delle mani.
Le parti del corpo più frequentemente esposte a vibrazioni sono le mani, quando si manovrano utensili o macchinari che vibrano ed il corpo intero, quando il soggetto è alla guida di un automezzo o su una piattaforma vibrante.
AGENTI CHIMICI
Molti sono gli agenti chimici che vengono utilizzati nelle costruzioni, ad esempio:
-Adesivi
- Additivi per calcestruzzi e malte cementizie
- Detergenti per murature
- Trattamenti protettivi e decorativi delle murature, metalli, del legno
- Pitture, intonaci
- Vernici, solventi
RISCHIO BIOLOGICO NEI CANTIERI
Presenza di:  Batteri e Virus nel terreno, Insetti, Parassiti.
Il rischio biologico nei cantieri edili è rappresentato soprattutto dalla presenza nel terriccio o sul materiale sporco della Spora Tetanica che  penetrando nell’organismo  può provocare il tetano, una grave malattia anche mortale.
MICROCLIMA
Le attività nei cantieri edili vengono, in genere, svolte all’aperto, per cui vi è il rischio dell’esposizione a clima caldo o freddo in rapporto alle condizioni meteorologiche esterne.
Le condizioni climatiche del lavoro all’aperto possono concorrere all’insorgenza di malattie infettive sia nei mesi invernali, per il freddo e l’umidità, sia nei mesi estivi per l’esposizione a calore eccessivo.
MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI
Operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o più lavoratori, comprese le  azioni del sollevare, deporre, spingere, tirare, portare o spostare un carico che, per le loro caratteristiche o in conseguenza delle condizioni ergonomiche sfavorevoli, comportano  il rischio di lesioni dorso lombari.
PRINCIPALI RISCHI DERIVANTI DALL’UTILIZZO DELLE MACCHINE IN CANTIERE
- Cesoiamento: una parte del corpo è convogliata dentro due elementi meccanici in movimento;
- Impatto: una parte del corpo è urtata da un elemento meccanico in movimento;
- Schiacciamento: una parte del corpo è schiacciata tra due  elementi meccanici in movimento relativo;
- Taglio: una parte del corpo è tagliata via da un elemento meccanico in movimento con estremità tagliente;
- Impigliamento/trascinamento: una parte del corpo è catturata e trascinata da un elemento meccanico in movimento.
L’uso delle attrezzature di lavoro deve essere riservato ai lavoratori allo scopo incaricati che abbiano ricevuto una formazione adeguata e mirata nonché un addestramento specifico, ove previsto, effettuato da persona esperta e sul luogo di lavoro; l’utilizzo delle attrezzature deve avvenire in conformità alle istruzioni d’uso.

0 commenti