Infotel
E-Learning, LMS, Learning Management System, Scorm

UTILIZZO DI UNA PLE

Pubblicato da Lilino Albanese | 11:17

PLE
RISCHI NELL'UTILIZZO DI UNA PLE
I principali pericoli nell’utilizzo della PLE:
- Elettrocuzione
- Caduta dall’alto
- Intrappolamento/cesoiamento
- Ribaltamento del mezzo
- Caduta dall’alto di materiali, carichi, ecc.
- Collisioni con strutture o altre attrezzature.
Nella valutazione dei rischi sono da prendere in considerazione svariati fattori, di seguito i principali:
Fattori meccanici: rotture, avarie, guasti, carenze strutturali, cattiva scelta dell’attrezzatura.
Fattori ambientali: condizioni atmosferiche, presenza di ostacoli, interferenze e linee elettriche, condizioni del terreno non idonee, ecc.
Fattori umani: errori di comportamento nell’uso causati da carenza di informazione, formazione ed addestramento o di non idoneità alla mansione.
Fattori organizzativi: mancanza di un piano di lavoro, assenza procedure di emergenza e di manutenzione, messa in servizio, controllo e verifica.
Nella valutazione rischi occorre considerare:
- Ostruzioni/ostacoli in quota lungo il percorso della PLE;
- comportamenti imprudenti, come sporgersi oltre i parapetti o il pannello di comando;
- perdita di controllo dei comandi della piattaforma;
- condizioni di illuminazione scarsa;
- traffico veicolare e pedonale lungo il percorso della PLE o attorno ad essa;
- terreni irregolari, gradini, fossi ecc.;
- oggetti/ostacoli/ostruzioni a terra lungo il percorso della PLE.
Per ridurre i rischi elencati è necessario considerare:
- le condizioni del terreno;
- la presenza di ostacoli e di interferenze nell’area di lavoro;
- le condizioni meteorologiche;
- la presenza di linee elettriche;
- l’illuminazione e la ventilazione;
- la segnalazione dei pericoli a terra.
rischi
Il rischio di fulminazione ed elettrocuzione, riguarda la presenza di linee elettriche aeree, presenti quando l’uso delle P.L.E. avviene in aree urbanizzate. 
In questi casi l’operatore è esposto al rischio causato dalla presenza di linee elettriche aeree in tensione nude o nelle quali l’isolamento non è sufficientemente garantito, considerato anche che la macchina non è generalmente isolata da terra.
In prossimità di parti attive nude o non sufficientemente protette, il lavoro edile o non edile, deve avvenire a distanza di sicurezza, in funzione della tensione della linea elettrica, a meno che non siano state messe fuori tensione ed in sicurezza per tutta la durata dei lavori o che siano stati posizionati ostacoli rigidi o barriere che impediscano l’avvicinamento alle parti stesse.
Si considera la posizione più sfavorevole del cestello, tenuto conto anche delle sue deformazioni o inflessioni e delle frecce sfavorevoli dovute al vento e alla temperature sulle linee elettriche.
Si ha intrappolamento quando l'operatore della PLE rimane intrappolato sopra il parapetto mentre sta azionando i comandi della piattaforma o viene spinto ulteriormente ed intrappolato sopra il quadro comandi della piattaforma. Il rischio può dipendere dal fatto che si colpisce un ostacolo durante inversione, rotazione o elevazione oppure può dipendere da movimenti inattesi del braccio vicino a un ostacolo.
Per ridurre pericoli di ribaltamento del mezzo, è di fondamentale importanza la valutazione delle condizioni del terreno prima di spostare, usare o posizionare qualsiasi tipo di P.L.E.
Le condizioni del terreno contribuiscono a garantire la stabilità della macchina, sia per PLE con stabilizzatori, sia per quelle che operano su ruote o cingoli. 
Terreni non “solidi” possono provocare instabilità col rischio di ribaltamento, la PLE può inclinarsi pericolosamente o addirittura sprofondare.
Per evitare i rischi di rovesciamento, gli operatori devono rispettare le seguenti istruzioni:
Verificare che il suolo resista alla pressione e al carico per ruota.
Evitare di cozzare contro ostacoli fissi o mobili. 
Non guidare la piattaforma a grande velocità in zone strette od insufficientemente sgombre. 
Non guidare la navicella in retromarcia (manca la visibilità). 
Non utilizzare la macchina con una navicella ingombra.
E’ necessario controllare attentamente l’area di lavoro prima di utilizzare una PLE, allo scopo di individuare ostacoli e interferenze con strutture o altre attrezzature ed evitare così urti e collisioni.
Il punto 3.2.1. dell’Allegato VI D. Lgs. 81/08 e s.m.i. disciplina le regole di sicurezza per evitare interferenze fra attrezzature, disponendo che “quando due o più attrezzature di lavoro sono installate o montate in un luogo di lavoro di modo che i loro raggi d’azione si intersecano, è necessario prendere misure appropriate per evitare la collisione tra i carichi e/o elementi delle attrezzature di lavoro stesse”.
Nell’area di lavoro è importante segnalare i pericoli a terra, soprattutto per i lavoratori esposti. Per evitare il rischio di investimento o di caduta dall’alto di carichi/materiali nella zona pericolosa, è necessario segregare tutta l’area di lavoro e rispettare precise procedure di sicurezza, ad esempio:
- se un’attrezzatura di lavoro manovra in una zona di lavoro, devono essere stabilite e rispettate apposite regole di circolazione;
- i lavoratori non devono sostare sotto i carichi sospesi, salvo che ciò sia richiesto per il buon funzionamento dei lavori;
- non è consentito far passare i carichi al di sopra di luoghi di lavoro non protetti abitualmente occupati dai lavoratori.
Durante i lavori in quota, quindi,  è opportuno che la zona sottostante venga debitamente con?nata e segnalata con lo scopo di evitare che qualche attrezzo o materiale utilizzato durante la lavorazione, cadendo, vada a colpire il personale.
Gli operatori a terra dovranno essere dotati di dispositivi di protezione individuale per la protezione della testa.
Per evitare gli ostacoli o le interferenze lungo il percorso in quota della P.L.E, che possono causare intrappolamenti, urti, schiacciamenti dell’operatore o collisioni tra la piattaforma e l’ostacolo, diventa fondamentale scegliere un modello e tipo di macchina con dimensione adatta per il percorso di lavoro richiesto.
Il percorso di lavoro va attentamente studiato, per evitare sporgenze, ostacoli, ostruzioni, ecc. inoltre occorre verificare che ci sia spazio sufficiente durante lo spostamento verso i punti in quota a cui ci si avvicina, e sarà necessario procedere a velocità moderata in avvicinamento al punto di lavoro.
Per quanto riguarda le condizioni meteorologiche, è da vietare l’uso della piattaforma di lavoro elevabile in caso di avverse condizioni del tempo: art.111, comma 7. del D. Lgs. 81/08 e s.m.i. prescrive che siano effettuati “i lavori temporanei in quota soltanto se le condizioni meteorologiche non mettono in pericolo la sicurezza e la salute dei lavoratori”.
Sono, quindi, da evitare situazioni lavorative in caso di neve, nebbia, temperature troppo basse o alte, generalmente indicate anche nelle istruzioni d’uso della macchina fornite dal fabbricante.
Le P.L.E. sono attrezzature che richiedono per il loro impiego conoscenze e responsabilità precise anche in base ai loro rischi, per questo il loro utilizzo è riservato esclusivamente ai lavoratori allo scopo incaricati, dopo che essi abbiano ricevuto informazione, formazione ed addestramento, in conformità all’art. 73, comma 4, del D. Lgs. n. 81/08, in modo da “consentire l’utilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro, anche in relazione ai rischi che possano essere causati ad altre persone”.
RISCHIO DI CADUTA DALL’ALTO
Per evitare qualsiasi rischio di caduta grave, gli operatori devono rispettare le seguenti istruzioni:
Tenersi fermamente alle ringhiere all'atto della salita o della guida della navicella.
Asciugare qualsiasi traccia di olio o di grasso che si trovi sulle pedane, il pavimento ed i corrimano.
Portare un corredo di protezione individuale adeguato alle condizioni di lavoro ed alla normativa locale in vigore, in particolare in caso di lavori in zona pericolosa. 
Non neutralizzare i contattori di fine corsa delle sicurezze. 
Non aumentare l'altezza di lavoro con l'utilizzo di scale o di altri accessori.
Non utilizzare le ringhiere come mezzi di accesso per salire e scendere dalla piattaforma; utilizzare gli appositi predellini.
Non salire sulle ringhiere quando la navicella è in elevazione.
Non guidare la piattaforma a grande velocità in zone strette od insufficientemente sgombre.
Non utilizzare la macchina senza che sia stata sistemata la barra di protezione della navicella o senza chiusura del portello di sicurezza.
Quando si lavora su piattaforme di lavoro mobili elevabili munite di braccio telescopico o articolato, viene vivamente raccomandato di indossare sempre imbracature di ritegno con cordino di lunghezza regolabile che garantisca il necessario sostegno e che va regolato nella misura più corta possibile per impedire l'uscita accidentale dalla piattaforma.  
La macchina deve essere progettata e costruita in modo che il pavimento dell'abitacolo non si inclini tanto da comportare un rischio di caduta per i suoi occupanti, anche durante i movimenti.
Il pavimento dell'abitacolo deve essere antisdrucciolo.
OPERAZIONI DI RIFORNIMENTO 
Le operazioni di rifornimento devono essere eseguite con piattaforma in posizione di trasporto e a motore spento.
Prestare molta attenzione a non riempire troppo il serbatoio o versare il carburante a terra o sulla struttura.
Durante le operazioni:
- non fumare;
- non usare fiamme libere;
- avere sempre a disposizione un estintore.

0 commenti