Infotel
E-Learning, LMS, Learning Management System, Scorm


Installazione di un impianto elettrico temporaneo per attività di spettacolo, la cui alimentazione viene assicurata da una linea in bassa tensione dell’ente distributore e/o da un gruppo elettrogeno. Tale attività prevede anche la messa a terra del palco e di tutte le strutture in metallo necessarie allo svolgimento dell’evento. 
Il sistema di distribuzione viene realizzato con le seguenti tipologie:
o di tipo TT nel caso di alimentazione dal punto di consegna dell’ente distributore (neutro a terra in cabina e conduttore di protezione collegato all’impianto di terra dell’utente);
o di tipo TN-S (conduttore di protezione separato dal neutro ma ad esso collegato all’origine dell’impianto), ovvero di tipo IT (neutro isolato da terra e conduttore di protezione collegato all’impianto di terra dell’utente) in caso di alimentazione da gruppo elettrogeno.
Gli impianti elettrici collocati nelle strutture temporanee come stand, mostre, spettacoli e fiere comportano un aumento del rischio elettrico, dovuto alla provvisorietà degli impianti, al rischio d'incendio, alla presenza di pubblico ed alle condizioni ambientali che mutano in funzione del luogo d'installazione, per tale motivo la loro esecuzione richiede una maggiore ed attenta valutazione al fine di ridurre il rischio elettrico.
PROCEDURE DI LAVORO
• Gli impianti elettrici nei luoghi "a maggior pericolo di esplosione e di incendio" devono avere caratteristiche particolari ("antideflagranti"). Caratteristiche particolari sono richieste anche per gli impianti realizzati nei luoghi in cui più elevato è il rischio elettrico: le spine e le prese devono avere adeguato grado di protezione contro la penetrazione di acqua.
• Gli apparecchi, gli utensili, i quadri e le condutture, oltre che conformi alle norme CEI, devono sempre essere mantenuti in buono stato e non essere fonte di rischio per i lavoratori
• Gli impianti e i materiali usati devono essere muniti di certificazione di rispondenza alle normative in vigore, ossia i quadri di alimentazione con interruttori selettivi e le canaline copricavo dotate di rampe di attraversamento per disabili.
• Le imprese installatrici sono tenute ad eseguire gli impianti a regola d'arte utilizzando allo scopo materiali parimenti costruiti a regola d'arte. I materiali ed i componenti realizzati secondo le norme tecniche di sicurezza dell'Ente italiano di unificazione (UNI) e del Comitato elettrotecnico italiano (CEI), nonché nel rispetto di quanto prescritto dalla legislazione tecnica vigente in materia, si considerano costruiti a regola d'arte. 
• A fine installazione la ditta installatrice deve rilasciare la “Dichiarazione d’esecuzione a regola d’arte degli impianti elettrici”. In particolare, per i cantieri temporanei e mobili, l’installatore deve rilasciare la seguente documentazione:
o certificato di conformità dell’impianto, corredata di copia del certificato dal quale risulta che l’impresa esecutrice abbia i requisiti tecnico professionali; 
o relazione tecnica dalla quale risulti anche le tipologie dei materiali utilizzati; 
o schema unifilare dell’impianto realizzato; all’uopo è opportuno rammentare che il quadro elettrico a valle del contatore nonché tutti i sottoquadri dovranno contenere un proprio schema.
• Deve essere previsto un dispositivo per l'interruzione di emergenza generale dell’alimentazione degli apparecchi utilizzatori per i quali possa essere necessario interrompere tutti i conduttori attivi per eliminare un pericolo. In altre parole, il comando d'emergenza ha lo scopo di interrompere rapidamente l’alimentazione a tutto l'impianto elettrico, esso deve essere pertanto noto a tutte le maestranze e facilmente raggiungibile ed individuabile 
• I cavi elettrici non devono passare attraverso luoghi di passaggio per veicoli o pedoni; quando questo sia invece necessario, deve essere assicurata una protezione speciale contro i danni meccanici e contro il contatto con i macchinari.
• I cavi che alimentano apparecchiature trasportabili devono essere sollevati da terra in maniera tale da evitare danneggiamenti meccanici
• Le prese a spina usate normalmente per le prolunghe e per alimentare gli utilizzatori devono:
o essere protette da interruttore differenziale che è buona norma non raccolga un numero eccessivo di derivazioni per evitare che il suo intervento non metta fuori servizio contemporaneamente troppe linee
o avere grado di protezione minimo IP 44
o essere dotate di interblocco meccanico per utilizzatori che assorbono potenze superiori a 1000 W.
• Nelle zone accessibili al pubblico le prese devono essere protette singolarmente contro le sovracorrenti e gli alveoli devono essere protetti con schermo o coperchio. Le prese con corrente nominale superiore a 16 A devono essere con interblocco meccanico.
• Ridurre al minimo lo svolgimento dei cavi di alimentazione mediante l’uso di avvolgicavo; staccare le spine dalle prese agendo sulla spina e non sul cavo di alimentazione.
• L’impianto elettrico deve essere dotato di impianto di messa a terra e di interruttori differenziali ad alta sensibilità o di altri sistemi di protezione equivalenti
• Per prevenire i rischi da incendio o esplosione gli impianti devono essere protetti contro:
o il sovraccarico (ogni corrente che supera il valore nominale e che si verifica in un circuito elettricamente sano);
o il corto circuito (ogni corrente che supera il valore nominale e che si verifica in seguito ad un guasto di impedenza trascurabile fra due punti in tensione). In entrambi i casi la protezione è realizzabile attraverso l'installazione di interruttori automatici o di fusibili;
o la propagazione dell'incendio (la protezione è realizzabile attraverso l'impiego di sbarramenti antifiamma, cavi e condutture ignifughe od autoestinguenti) 
• Garantire un totale isolamento di tutte le parti attive con conduttori elettrici sotto traccia, entro canalette o in tubi esterni (non in metallo)
• Non congiungere i fili elettrici con il classico giro di nastro isolante. Questo tipo di isolamento risulta estremamente precario. Le parti terminali dei conduttori o gli elementi "nudi" devono essere racchiusi in apposite cassette o in scatole di materiale isolante 
• Sostituire tutti i componenti dell' impianto rotti o deteriorati (prese a spina, interruttori, cavi, ecc.) 
• Le prese a spina volanti e gli apparecchi elettrici non devono essere a portata di mano nelle zone in cui è presente acqua
• I passaggi di servizio e gli accessi alle macchine, quadri e apparecchiature elettriche devono essere tenuti sgombri da materiale di qualsiasi tipo, in particolar modo se si tratta di materiali o oggetti infiammabili
• Predisporre appositi cartelli con le principali norme di comportamento per diminuire le occasioni di pericolo, ad esempio un cartello che indichi il divieto di usare acqua per spegnere incendi in prossimità di cabine elettriche, conduttori, macchine e apparecchi sotto tensione 
• L'idoneità dei dispositivi di protezione individuale, come guanti in gomma (il cui uso è consentito fino a una tensione massima di 1000 V), tappetini e stivali isolanti, deve essere attestata con marcatura CE 
• I lavoratori devono essere formati sulle modalità di utilizzo delle attrezzature di lavoro legate all’impianto elettrico ed ai conseguenti rischi 
• I lavoratori devono essere formati sulle procedure atte a far fronte a situazioni di emergenza relative ad incendi o pronto soccorso 
• Non utilizzare mai l'acqua per spegnere un incendio di natura elettrica. Sezionare l'impianto e utilizzare estintori a polvere o CO2 
• Se qualcuno è in contatto con parti in tensione non tentare di salvarlo trascinandolo via, prima di aver sezionato l'impianto.

0 commenti