Infotel
E-Learning, LMS, Learning Management System, Scorm

Macchina utilizzata nel settore metalmeccanico, per ottenere forme diverse dai fogli di lamiera piana, quali contorni o profili interni ed esterni, anche molto complessi, grazie alla realizzazione di tagli di alta precisione e velocità di esecuzione. In particolare, il taglio laser dei materiali metallici è la più comune e diffusa applicazione dei laser di potenza. Durante il processo di taglio l'energia assorbita dal materiale nella zona in cui il fascio laser è focalizzato  viene trasformata in calore. Questo calore provoca localmente un rapido aumento della temperatura del pezzo; la fusione e/o la vaporizzazione della zona di interazione determinano la formazione di un foro.
Esso può essere cieco o passante:
o nel primo caso la rimozione del materiale avviene attraverso aspirazione di fumi e vapori prodotti; 
o nel secondo caso generalmente l'espulsione del materiale è coadiuvata dall'azione di un gas di processo detto gas di assistenza.
Se il foro è passante, la traslazione della sorgente laser rispetto al manufatto in lavorazione, genera la separazione dei pezzi.
PROCEDURE DI LAVORO
• Verificare la rispondenza della macchina alla Norma CEI-EN 60825/1 e 1381G (Norme operative sulla sicurezza dei sistemi laser).
• Attuare la sicurezza delle macchine, nel pieno rispetto della direttiva macchine e delle altre norme vigenti in materia.
• Attuare la formazione e l’informazione degli addetti circa l’utilizzo in sicurezza delle macchine.
• Utilizzare la macchina laser in luoghi ad accesso limitato e controllato, con chiusure di sicurezza per evitare l’accesso ai non autorizzati nell’area di funzionamento. 
• Assicura la massima protezione dell’area di irraggiamento e dell’intero percorso del laser con opportune strutture che impediscano l’avvicinamento al fascio laser.
• La macchina deve essere posizionata mantenendo gli spazi liberi minimi indicati nel manuale d’uso e manutenzione, al fine di consentirne un uso corretto ed una agevole manutenzione.
• Provvedere a collocare i cartelli di divieto e di pericolo nella zone dove è possibile incorrere in situazioni di pericolo; in particolare, deve essere posizionato un cartello con la scritta “Attenzione- Non sostare in prossimità del fascio laser” in un punto evidente sul laser.
• Evitare di fissare il raggio laser o di dirigere il laser verso gli occhi di una persona
• Evitare di dirigere il fascio laser verso superfici riflettenti.
• Provvedere affinché la zona di lavoro sia sufficientemente illuminata ed evitare riflessioni speculari.
• Attuare la sorveglianza sanitaria degli addetti, per prevenire od evidenziare possibili danni agli occhi.
• Provvedere affinché gli organi di comando siano facilmente interpretabili per essere manovrati con rapidità e facilità da parte dell’operatore.
• Provvedere affinché i sistemi di comando garantiscano la sicurezza dell’operatore in qualsiasi situazione prevedibile.
• Provvedere affinché la macchina possa essere avviata/riavviata soltanto da un’azione volontaria dell’operatore su un dispositivo di comando previsto tale fine.
• Provvedere affinché la macchina sia munita di uno o più dispositivi di arresto di emergenza per l’arresto immediato della macchina.
• Provvedere affinché l’azionamento del dispositivo di arresto di emergenza interrompa immediatamente l’alimentazione di tutti gli organi di azionamento.
• Provvedere affinché tutti gli organi di trasmissione della macchina che possono dare origine a pericoli, siano protetti con dei ripari fissi per evitare qualsiasi contatto con parti meccaniche.
• Provvedere affinché gli organi lavoratori della macchina e le relative zone di operazione siano, per quanto possibile, protetti o segregati oppure provvisti di dispositivi di sicurezza. In particolare accertare la presenza di: 
o un dispositivo di sicurezza che consenta al raggio laser di essere acceso solo se i motorini di deviazione del raggio stanno ruotando ad una corretta velocità; 
o di un relè di protezione, posto nella parte posteriore della macchina a protezione delle barre su cui sono montate le teste; 
o di una barriera ottica posta nella parte anteriore della macchina, che interrompendo i raggi della barriera ottica, verifichi un arresto immediato di tutti gli organi in movimento e lo spegnimento del proiettore a raggi laser; 
o di un riparo fisso o griglia posto posteriormente alla macchina a protezione del movimento dei carri.
• Provvedere affinché l’accesso al quadro elettrico sia impedito con un interruttore di blocco a chiave o altro, in particolare siano posti dei ripari fissi posti lateralmente per evitare qualsiasi contatto con parti elettriche.
 Provvedere affinché gli operatori abbiano a disposizione procedure scritte per l’utilizzo corretto della macchina.
• Prevedere un registro sul quale annotare gli interventi di manutenzione programmata e straordinaria.
• Indossare obbligatoriamente i DPI di protezione per gli occhi, quando il laser è in funzione.

0 commenti