Infotel
E-Learning, LMS, Learning Management System, Scorm

Il metodo utilizzato dal software per la valutazione del rischio stress L.C. rispetta le indicazioni contenute nell'Accordo europeo 8 ottobre 2004 e quelle previste nel Documento sullo Stress da L.C. redatto dall'Agenzia Europea per la Sicurezza e la Salute sul lavoro e l’iter sottoscritto dalla Circolare del Ministero del lavoro e delle politiche sociali del 18/11/2010 e comprende i seguenti passaggi:
ANALISI PRELIMINARE-EVENTI SENTINELLA
“Valutazione soglia di attenzione aziendale” mediante la quale si rileva la presenza o meno di caratteristiche aziendali che in base agli studi scientifici in materia presentano caratteristiche correlate al rischio stress.
ANALISI DEI DATI OGGETTIVI
L’analisi è effettuata mediante la “CheckList CDO”. La lista comprende 32 voci suddivise in parti uguali tra i fattori di rischio relativi al “Contesto di lavoro” e al “Contenuto del lavoro”, indicati dall’Agenzia europea per la sicurezza e salute sul lavoro.
Dall’analisi preliminare così effettuata il software calcola mediante un algoritmo numerico la Classe di rischio con 3 indicatori: Indice ISA, Indice IRO1 e Indice IRO2 cui corrispondono 3 livelli di rischio ciascuno avente criticità specifica: Rischio Basso, Rischio Medio, Rischio Elevato.
“Lista dei dati sintomatici aziendali” per accertare la presenza di effetti diretti/indiretti denotanti potenziali sintomi di stress lavorativo. La lista comprende i seguenti indicatori: Assenteismo, turn-over, n.ro di infortuni, spostamenti di mansione, ecc.I dati della lista relativi all’ultimo anno sono confrontati con la media del triennio precedente.
ANALISI APPROFONDITA DATI SOGGETTIVI
La rilevazione dei dati soggettivi viene eseguita tramite la somministrazione ai lavoratori del questionario QVP-SLC 10 composto di 53 quesiti, mediante il quale vengono raccolte le percezioni dei lavoratori relative ad aspetti delle condizioni di lavoro significativi ai fini del rischio stress, nonché le loro valutazioni dello stato che la relazione con le suddette condizioni presenta, in termini intensità di pressione sperimentata. 
Dall’analisi approfondita il software calcola mediante un algoritmo numerico la Classe di rischio attraverso due indici, uno relativo al Contenuto del lavoro (IRS1) e l’altro relativo al Contesto del lavoro (IRS2), cui corrispondono 3 livelli di rischio ciascuno avente criticità specifica: Rischio Basso, Rischio Medio, Rischio Elevato.

0 commenti