Infotel
E-Learning, LMS, Learning Management System, Scorm


Articolo 271 - Valutazione del rischio

1. Il datore di lavoro, nella valutazione del rischio di cui all’articolo 17, comma 1, tiene conto di tutte le informazioni disponibili relative alle caratteristiche dell’agente biologico e delle modalità lavorative, ed in particolare:


a) della classificazione degli agenti biologici che presentano o possono presentare un pericolo per la salute umana quale risultante nell'articolo 234, in assenza, di quella effettuata dal datore di lavoro stesso sulla base delle conoscenze disponibili e seguendo i criteri di cui all’articolo 268, commi 1 e 2;


b) dell’informazione sulle malattie che possono essere contratte;


c) dei potenziali effetti allergici e tossici;


d) della conoscenza di una patologia della quale è affetto un lavoratore, che è da porre in correlazione diretta all’attività lavorativa svolta;


e) delle eventuali ulteriori situazioni rese note dall’autorità sanitaria competente che possono influire sul rischio;


f) del sinergismo dei diversi gruppi di agenti biologici utilizzati.


2. Il datore di lavoro applica i principi di buona prassi microbiologica, ed adotta, in relazione ai rischi accertati, le misure protettive e preventive di cui al presente Titolo, adattandole alle particolarità delle situazioni lavorative.


3. Il datore di lavoro effettua nuovamente la valutazione di cui al comma 1 in occasione di modifiche dell’attività lavorativa significative ai fini della sicurezza e della salute sul lavoro e, in ogni caso, trascorsi tre anni dall’ultima valutazione effettuata.


4. Nelle attività, quali quelle riportate a titolo esemplificativo nell’articolo 271, che, pur non comportando la deliberata intenzione di operare con agenti biologici, possono implicare il rischio di esposizioni dei lavoratori agli stessi, il datore di lavoro può prescindere dall’applicazione delle disposizioni di cui agli articoli 273, 274, commi 1 e
2, 275, comma 3, e 279, qualora i risultati della valutazione dimostrano che l’attuazione di tali misure non è necessaria.

5. Il documento di cui all’articolo 17 è integrato dai seguenti dati:


a) le fasi del procedimento lavorativo che comportano il rischio di esposizione ad agenti biologici;


b) il numero dei lavoratori addetti alle fasi di cui alla lettera a);


c) le generalità del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi;


d) i metodi e le procedure lavorative adottate, nonché le misure preventive e protettive applicate;


e) il programma di emergenza per la protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione ad un agente biologico del gruppo 3 o del gruppo 4, nel caso di un difetto nel contenimento fisico.


6. Il rappresentante per la sicurezza è consultato prima dell’effettuazione della valutazione di cui al comma 1 ed ha accesso anche ai dati di cui al comma 5.

0 commenti