Infotel
E-Learning, LMS, Learning Management System, Scorm


Articolo 272 - Misure tecniche, organizzative, procedurali


1. In tutte le attività per le quali la valutazione di cui all’articolo 271 evidenzia rischi per la salute dei lavoratori il datore di lavoro attua misure tecniche, organizzative e procedurali, per evitare ogni esposizione degli stessi ad agenti biologici.


2. In particolare, il datore di lavoro:


a) evita l’utilizzazione di agenti biologici nocivi, se il tipo di attività lavorativa lo consente;


b) limita al minimo i lavoratori esposti, o potenzialmente esposti, al rischio di agenti biologici;


c) progetta adeguatamente i processi lavorativi, anche attraverso l’uso di dispositivi di sicurezza atti a proteggere dall’esposizione accidentale ad agenti biologici;


d) adotta misure collettive di protezione ovvero misure di protezione individuali qualora non sia possibile evitare altrimenti l’esposizione;


e) adotta misure igieniche per prevenire e ridurre al minimo la propagazione accidentale di un agente biologico fuori dal luogo di lavoro;


f) usa il segnale di rischio biologico, rappresentato nell’articolo 272, e altri segnali di avvertimento appropriati;


g) elabora idonee procedure per prelevare, manipolare e trattare campioni di origine umana ed animale;


h) definisce procedure di emergenza per affrontare incidenti;


i) verifica la presenza di agenti biologici sul luogo di lavoro al di fuori del contenimento fisico primario, se necessario o tecnicamente realizzabile;


l) predispone i mezzi necessari per la raccolta, l’immagazzinamento e lo smaltimento dei rifiuti in condizioni di sicurezza, mediante l’impiego di contenitori adeguati ed identificabili eventualmente dopo idoneo trattamento dei rifiuti stessi;


m) concorda procedure per la manipolazione ed il trasporto in condizioni di sicurezza di agenti biologici all’interno e all’esterno del luogo di lavoro.

0 commenti