Infotel
E-Learning, LMS, Learning Management System, Scorm


LOCALIZZAZIONE ED ESTENSIONE DEL RISCHIO

Deve essere posta attenzione all’estensione del rischio nello spazio e nel tempo; inoltre è necessario conoscere sia le concentrazioni degli agenti
chimici pericolosi che presumibilmente possono essere presenti, che i valori limiti di esposizione consentita (per una guida all’identificazione degli agenti chimici pericolosi vedere il capitolo 3). La prima attività da effettuare è la stima dei rischi e l’identificazione delle necessarie precauzioni (DPC e DPI) per ridurre e/o eliminare il rischio: questo dipenderà dalla natura dello spazio confinato, dei rischi associati e del tipo di lavoro da eseguire. Successivamente ci si accerta che il sistema sicuro di lavoro (incluse le precauzioni individuate), sia stato sviluppato e messo in pratica. Ciascuno dei lavoratori coinvolti nell’attività deve essere adeguatamente addestrato e istruito, per sapere in caso di necessità, che cosa deve fare e come farlo in modo sicuro. Le istruzioni che seguono, per quanto non esaustive, includono gli elementi che permettono di predisporre una condizione di lavoro sicuro. Per un ulteriore approfondimento relativo alla classificazione delle zone di rischio vedere l’Allegato 8.

0 commenti