Infotel
E-Learning, LMS, Learning Management System, Scorm

CENTRO DI LAVORO CNC

Pubblicato da Lilino Albanese | 04:00

CENTRO DI LAVORO CNC (Controllo numerico computerizzato)
I centri di lavorazione a controllo numerico sono macchine multiscopo assai flessibili e che consentono di effettuare lavorazioni di diverso tipo e con differenti utensili. Esse sono costituite essenzialmente di un’unita di controllo (un elaboratore), alla quale sono asserviti dei servomeccanismi, i quali consentono il controllo dei moti di lavorazione, più una serie di sensori che registrano i parametri fondamentali della lavorazione.
In dettaglio le macchine a controllo numerico computerizzato, più comunemente dette macchine "CNC", sono schematicamente composte dalle seguenti componenti:
o una parte meccanica formata da mandrino e organi di movimento a 2, 3, fino ad arrivare a 6 assi controllati;
o una parte costituita a seconda dei fornitori da trasduttori o encoder, oppure da motori speciali con un sistema di invio e ricezione dati quali velocità, accelerazione ecc.;
o una parte costituita da un computer che acquisisce dati trasmessi dall'operatore tramite un linguaggio di programmazione, li elabora e li invia ai motori per gestire la movimentazione degli assi. Se questa operazione è gestita da un programma specifico (un CAD o CAM per esempio) si parla di macchine CNC.
Per le macchine a controllo numerico computerizzato le problematiche della sicurezza si hanno durante le fasi di carico/scarico dei pezzi di lavorazione e durante la fase di allestimento e messa a punto della macchina, detta fase di attrezzaggio.
Procedure di lavoro
• Attuare la formazione e l’informazione degli addetti circa l’utilizzo in sicurezza delle macchine
• Effettuare la manutenzione periodica della macchina e verificare l’efficienza dei relativi dispositivi di sicurezza da parte di personale qualificato, nonché la tenuta del manuale d’uso e di manutenzione
• Assicurarsi che la manutenzione ordinaria e straordinaria sia eseguita da personale qualificato
• Durante la manutenzione della macchina, attuare una procedura standardizzata, quale la neutralizzazione di tutte le forme di energia, la dotazione del quadro di controllo di un dispositivo a chiave, di cui si deve impossessare l’addetto alla manutenzione fino al termine delle operazioni
• Segnalare l’operazione di manutenzione della macchina, apponendo un cartello sul quadro di comando recante la scritta “ Attenzione macchina in manutenzione”
• Provvedere affinché la macchina sia idoneamente posizionata mantenendo gli spazi liberi minimi indicati nel manuale d’uso e manutenzione, al fine di consentirne un uso corretto ed una agevole manutenzione
• Provvedere affinché gli organi di comando siano facilmente interpretabili per essere manovrati con rapidità e facilità da parte dell’operatore
• Provvedere affinché i sistemi di comando garantiscano la sicurezza dell’operatore in qualsiasi situazione prevedibile
• Provvedere affinché la macchina possa essere avviata/riavviata soltanto da un’azione volontaria dell’operatore su un dispositivo di comando previsto tale fine
• Provvedere affinché la macchina sia munita di uno o più dispositivi di arresto di emergenza per l’arresto immediato della macchina
• Provvedere affinché l’azionamento del dispositivo di arresto di emergenza interrompa immediatamente l’alimentazione di tutti gli organi di azionamento
• Provvedere affinché tutti gli organi di trasmissione della macchina che possono dare origine a pericoli, siano segregati o protetti con dei ripari fissi per evitare qualsiasi contatto con parti meccaniche
• Divieto di lavorare con la macchina sprovvista di dispositivi di sicurezza, di ripari o di rimuovere gli stessi
• Verificare che le operazioni di attrezzaggio siano eseguite da personale autorizzato, competente e capace
• Verificare che gli organi mobili, gli utensili e le parti potenzialmente fonti di pericolo siano fermi ed inerti, durante la fase di attrezzaggio
• Verificare che non vi siano persone esposte nei pressi della macchina, prima di azionare il movimento
• Verificare che non vi siano in nessun caso parti del corpo dell’operatore esposte a rischio di schiacciamento durante le fasi operative
• Verificare l'efficienza dei comandi e dell'interruttore di emergenza
• Verificare l'integrità della macchina, in tutte le sue parti
• Accertarsi della presenza del dispositivo contro il riavviamento del motore in seguito ad interruzione improvvisa dell'alimentazione elettrica
• Vietare l’uso di indumenti che possono impigliarsi, bracciali, orologi, anelli, catenine ed altri oggetti metallici
• Allontanare, durante l’uso della macchina, i materiali infiammabili, facilmente combustibili o danneggiabili e nel caso ciò non fosse possibile, proteggere opportunamente detti materiali contro le scintille e l'irraggiamento di calore
• Posizionare nelle immediate vicinanze della macchina, un estintore
• Adottare le misure di prevenzione incendi previste dalla normativa, provvedendo al rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi da parte dei Vigili del Fuoco
• Predisporre un numero adeguato di estintori portatili in posizioni ben segnalate e facilmente raggiungibili
• Garantire che l’impianto antincendio sia sottoposto a regolare manutenzione e che gli estintori vengano controllati da ditta specializzata ogni sei mesi
• Provvedere affinché l’accesso al quadro elettrico sia impedito con un interruttore di blocco a chiave o altro, in particolare siano posti dei ripari fissi posti lateralmente per evitare qualsiasi contatto con parti elettriche
• Per una corretta istallazione della macchina in ambiente di lavoro e per eliminare il pericolo di folgorazione degli addetti, isolare tutti gli elementi in tensione in modo da proteggerli contro i contatti diretti, compresa la linea elettrica di alimentazione
• Verificare la presenza di un impianto elettrico certificato e conforme alle norme CEI e dotato di comandi di emergenza, capaci di interrompere rapidamente l’alimentazione elettrica in caso di emergenza
• Verificare ed adeguare l’impianto di messa a terra
• Per quanto riguarda la diffusione di rumore all’esterno, è necessaria un’adeguata insonorizzazione delle apparecchiature utilizzate, poiché possono provocare disturbo alla popolazione eventualmente residente nelle adiacenze dell’impianto produttivo
• Segregare le macchine rumorose tramite pannelli fonoisolanti/fonoassorbenti
• Predisporre tutti gli interventi tecnici, organizzativi e procedurali concretamente attuabili al fine di ridurre al minimo gli eventuali rischi derivanti dall’esposizione al rumore
• Assicurarsi che la macchina venga utilizzata solo da personale autorizzato ed addestrato.

0 commenti