Infotel
E-Learning, LMS, Learning Management System, Scorm

PROCEDURE DI SBARCO DA UNA PLE

Pubblicato da Lilino Albanese | 02:30

PLE
PROCEDURE DI SBARCO DA UNA PLE (ANCHE SE NON CONSENTITO DALLA NORMATIVA VIGENTE) SU UN PIANO DI LAVORO IN QUOTA
L’uscire dal cestello in posizione elevata, tenendo conto dei supplementari rischi, è attuabile solo se una valutazione scritta a parte evidenzia, che questo modo di lavorare è il più sicuro e più idoneo per accedere al posto di lavoro.
Se l’uscire/risalire per via di operazioni di montaggio, l’architettonica della costruzione, ecc. è indispensabile e il pericolo in altro modo è maggiore, in casi eccezionali, a condizione di aspetti ben definiti in seguito può essere permesso.
1. L’operatore che esce si aggancia a un sistema d’ancoraggio posizionato più in alto, al di fuori del cestello
2. Si sgancia dal punto d’ancoraggio del cestello
3. L’operatore esce, svolge il suo lavoro, un secondo operatore rimane sempre nel cestello
4. L’operatore risale nel cestello nell’identica posizione
5. Si aggancia nel cestello da lavoro al punto d’ancoraggio previsto
6. Si sgancia dal sistema d’ancoraggio al di fuori del cestello.
ISTRUZIONI OPERATIVE
•  Il metodo per salire e uscire non deve creare supplementari forze dinamiche (p. e. in seguito a salti ecc. durante l’uscire e il risalire possono portare al ribaltamento della piattaforma a braccio telescopico, effetto frusta)
• Gli operatori incaricati devono essere informati e addestrati per questa situazione con delle istruzioni d’uso a parte:
• Uso dell’attrezzatura secondo le indicazioni del costruttore e standard vigenti
o Uso di DPI contro la caduta dall’alto e attrezzatura per il soccorso secondo standard vigenti
o Informazione sul metodo per uscire e salire secondo ordine di servizio riferito al progetto
• L’attrezzatura deve essere predisposta solo ed esclusivamente per tali lavori e non deve essere movimentata durante l’uscire o il risalire.
• Escludere un azionamento involontario degli organi di commando (p. e. premendo il tasto d’emergenza)
• Una seconda persona deve essere sempre presente nel cestello da lavoro e sorvegliare la persona uscita. Lei fa risalire la persona uscita in identica posizione dell’attrezzatura 
• Le attrezzature per il salvataggio vengono trasportate nel cestello di lavoro per poter effettuare un salvataggio con propri mezzi.
• Deve essere assicurata una comunicazione efficace fra personale a terra e gli operatori dei lavori in quota
• Nell’uscire e nel salire, assicurarsi tramite DPI contro la caduta dall’alto usando come mezzo di collegamento un sistema a due cordini con assorbitore di energia lunghezza max. sistema < 1.80m. ancorato a un punto d’ancoraggio di portata appropriata (> 6 KN) nella costruzione (non nel cestello)
• Tra piattaforma di lavoro e costruzione adiacente, dovrebbe rimanere sempre un franco verticale di almeno 12 cm. (pericolo di schiacciamento in seguito all’alleggerimento del braccio durante l’uscire).
• Il cestello di lavoro deve essere fissato durante la procedura d’uscita, in maniera che non pendola in direzione non desiderata.
• Determinazione di un punto d’ancoraggio idoneo nella costruzione (edificio, trave, costruzione) da parte del preposto.
• Lo spazio intorno alla PLE deve essere privo di traffico.
• L’attrezzatura deve possedere punti d’ancoraggio per DPI contro la caduta dall’alto predefiniti dal costruttore
• Utilizzare solo il 75% dell’altezza e sbraccio massimo
• L’attrezzatura deve possedere una portata sufficiente.
• Portata utilizzabile richiesta, minimo due persone, attrezzature di lavoro
• Usare piattaforme di lavoro con porta scorrevole o girevole
• Usare PLE possibilmente con piattaforma orientabile, perché questa si lascia orientare meglio nella direzione della parte dedicata all’uscita.

0 commenti