Infotel
E-Learning, LMS, Learning Management System, Scorm

L’intera  filiera  tessile-abbigliamento-moda rappresenta in Italia un’attività  importante,  di  qualità pregevole e quantità rilevante. Pur rappresentando meno del 4% del totale dell’Industria manifatturiera sia in termini di imprese che di addetti (rispettivamente 15mila e 130mila secondo gli ultimi dati disponibili  dell’Istat),  il  settore detiene  una  quota  di  imprese esportatrici superiore rispetto alla media (circa 25% rispetto al 21%per l’intera manifattura). La  competitività  a  livello  internazionale dell’intera filiera è dovutaagli  investimenti  in  innovazione,know how, ricerca e sviluppo. Nota  a  parte  deve  essere  fatta per il 2015, in quanto si registraun  picco  negativo  di  3,6  puntinella  produzione  industriale  delsettore  tessile  e  pelli,  nonostantetutti  i  principali  indicatori  del mondo  produttivo  mostrino  una variazione   positiva   nell’anno(con  volume  della  produzione industriale   aumentato   di   un punto  percentuale)  sebbene  conandamenti molto differenziati nei vari comparti del manifatturiero. Dal punto di vista infortunistico si registrano nel 2014 poco più di 1.800 casi accertati nel comparto  del  tessile  e  circa  1.250 nell’abbigliamento.  Il  decremento  complessivo  nell’ultimo  quinquennio  2010-2014  (-38,2%)  è stato  superiore  alla  media  del manifatturiero (-36,2%).

0 commenti